2 anime 1 corpo 

Premesso che io credo all’esistenza dell’anima perché se no da dove provengono tutte le emozioni che proviamo quando guardiamo un dipinto, leggiamo un libro, ascoltiamo musica o più semplicemente osservo ci innamoriamo. 

Non deve, almeno per me, necessariamente esserci un Dio per accertare l’esistenza dell’anima. 

Mi domando perché un corpo umano dovrebbe contenere una sola anima? Nessuno ha mai detto “un corpo solo una sola anima”, anzi c’è pure chi ha scritto che un essere umano ha mezz’anima ed è  alla ricerca costante dell’altra metà (Vedi Il “Simposio” di Platone). 

Poniamo che un essere umano possa avere dentro di sé due anime e che quest’ultime fossero una buona ed una cattiva. Quali delle due    prevarrebbe sull’altra?  Non  potrebbe esserci un perfetto equilibrio tra le due anime? Credo di no perché altrimenti l’uomo sarebbe una creatura “perfetta” e noi sappiamo che l’uomo è un essere imperfetto per natura. 

Lo vediamo ogni giorno attraverso il suo “comportamento” nei confronti degli altri esseri viventi tra cui egli stesso: uccide, ruba, tradisce ecc. 

È facile dire allora “l’uomo è malvagio”, dunque l’anima che prevale è quella cattiva? Può darsi che sia così in parte, ma vi sono esempi di comportamento opposto. Ci sono uomini che salvano vite, condividono quello che hanno, sono fedeli ai propri ideali. Esempi di pura bontà! 

Attenzione, non vi sono esempi estremi, il mondo non è circondato da gente che è buonissima oppure cattivissima, c’è un equilibrio che si può vedere attraverso le azioni umane. Le azioni dell’essere umano lo spingono in diverse direzioni che possono essere buone o cattive.        

Sta all’uomo capire ciò che è bene e male, ma come si fa comprendere il significato di questi due concetti?                                    Come fa l’essere umano a capire tutto ciò? 

Qui entra in ballo la “coscienza”. La coscienza è il “metro di giudizio” che ogni essere umano dà alle proprie azioni. L’uomo riesce a capire più o meno se un’azione compiuta ha un valore positivo o negativo su di sé e sul mondo esterno proprio tramite alla coscienza. Essa è la nostra spia, campanello d’allarme che comincia a suonare quando noi commettiamo azioni più o meno discutibili. Le nostre azioni hanno un impatto, come dicevo prima, importante nel mondo esterno perché possano “determinare” sia il nostro destino che quello degli altri. 

In tutto questo l’anima o le anime che c’entrano? Se nel nostro corpo risiede una sola anima è possibile che essa abbia una sola natura, ovvero è portata a compiere un solo tipo di azioni, buone o cattive. 

Se invece, parliamo di due anime in un corpo le azioni compiute saranno più equilibrate, non ci sarà una totale tendenza verso una singola direzione “caos etico”.  

È probabile che dentro di sé l’uomo sia perennemente in conflitto. Questa battaglia lo conduce a fare scelte difficili.                        


Francesco Perugia. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...